L’ utilizzo del credito IVA

a cura della Dr.ssa Barbara Rizzi

 

Come noto, l’utilizzo in compensazione del credito IVA annuale trova specifiche limitazioni in base all’ammontare del credito medesimo. A questo proposito si precisa che, per il concreto utilizzo del credito IVA 2012, occorre considerare che per la compensazione di importi superiori ad €. 5.000,00 è necessario presentare preventivamente il mod. IVA 2013; per importi superiori a €. 15.000, è richiesta l’apposizione del visto di conformità al mod. IVA 2013.

Sul punto si sottolinea che la presentazione, nel mese di febbraio 2013, del mod. IVA 2013 in forma autonoma esonera il contribuente dall’invio della Comunicazione dati IVA relativa al 2012.

La compensazione c.d. “orizzontale” del credito IVA annuale (o trimestrale) trova una serie di limitazioni collegate all’ammontare che il contribuente intende utilizzare per il versamento di imposte, contributi  ovvero premi dovuti dallo stesso.

Il Dl n. 16/2012, c.d. Decreto “Semplificazioni Fiscali”, ha abbassato da €. 10.000,00 a € 5.000,00 il limite entro il quale è consentito l’utilizzo in compensazione “orizzontale” nel mod. F24 del credito IVA annuale (trimestrale) senza la preventiva presentazione della dichiarazione annuale.

Come disposto dall’Agenzia delle Entrate con il Provvedimento 16.3.2012, la norma contenente  la riduzione del limite di cui sopra, sarà applicabile alle compensazioni effettuate a decorrere dal primo Aprile 2012.

In relazione alle novità testé illustrate, a seconda dell’entità del credito IVA, troveranno applicazione le seguenti disposizioni:

  1.  per importi superiori ad €. 5.000,00 annui, dal giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione annuale (o dell’istanza trimestrale), sarà possibile effettuare la compensazione c.d. “orizzontale” del credito IVA annuale (o trimestrale), mediante utilizzo del mod. F24;
  2. per importi superiore a € 5.000 la compensazione del credito IVA sarà soggetto all’utilizzazione dei servizi telematici quali Entratel o Fisconline. In  detta ipotesi, il mod. F24, deve essere trasmesso all’Agenzia delle Entrate almeno 10 giorni dopo la presentazione della dichiarazione;
  3. la compensazione di un credito IVA annuale per importi superiori a € 15.000 annui è  soggetto al preventivo rilascio del c.d. visto di conformità da parte di un soggetto abilitato.

2. UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA 2012

Come precisato dall’Agenzia delle Entrate nella Circolare 15.1.2010, n.1/E, costituisce compensazione “orizzontale” la compensazione che necessariamente deve essere indicata nel mod. F24. Ci si riferisce alle ipotesi di compensazione del credito IVA con imposte, contributi, premi o altri versamenti diversi dall’IVA dovuta (a qualsivoglia titolo di saldo, acconto o versamento periodico).

Invece, l’utilizzo del credito IVA nel mod. F24 per compensare l’imposta dovuta a saldo, acconto o versamento periodico configurando “di fatto, solo una diversa modalità di esercitare la detrazione dell’eccedenza IVA a credito”, non identifica una compensazione “orizzontale”.

L’Agenzia delle Entrate nella Circolare 3.6.2010, n. 29/E ha precisato che “le compensazioni che non soggiacciono alle limitazioni … sono esclusivamente quelle utilizzate per il pagamento di un debito della medesima imposta, relativo ad un periodo successivo rispetto a quello di maturazione del credito”.

Per comprendere la portata dell’affermazione dell’ente erariale, si consideri, ad esempio, al saldo IVA 2012 a debito (codice tributo 6099) compensato con il credito IVA primo trimestre 2013 (codice tributo 6036). In tale situazione il credito in commento è relativo ad un periodo successivo a quello del debito da “estinguere” e pertanto, considerato che “per tale tipo di compensazioni non esiste la possibilità di esposizione in dichiarazione”, la stessa va necessariamente effettuata tramite il mod. F24.

Sarebbe possibile sostenere, a contrario, che non concorre al raggiungimento dei predetti limiti, l’utilizzo in compensazione, (tramite il mod. F24) del credito 2012 (codice tributo 6099, anno di riferimento 2012) per il pagamento del saldo annuale relativo al 2013 (codice tributo 6099, anno di riferimento 2013). Tale forma di “detrazione” trova infatti esposizione nel quadro VL del mod. IVA 2014.

In ogni caso, per l’utilizzo di un credito IVA 2012 pari o inferiore a €. 5.000,00 non è prevista alcuna limitazione alla compensazione e quindi sono applicabili le ordinarie regole previste per la compensazione di crediti tributari/previdenziali;  per l’utilizzo di un credito IVA 2012 superiore a €. 5.000,00 le limitazioni in commento concernono l’importo del credito IVA 2012 utilizzato in compensazione e non all’ammontare complessivo risultante dalla dichiarazione annuale.

Così, ad esempio, in presenza di un credito IVA 2012 pari a € 40.000, lo stesso può essere utilizzato in compensazione “orizzontale” senza la necessità di presentare la dichiarazione annuale fino all’ammontare di € 5.000.

Raggiunto il predetto limite, ogni ulteriore compensazione può avvenire dal giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione del mod. IVA 2013. Qualora il contribuente intenda compensare somme superiori a € 15.000, la dichiarazione dovrà inoltre essere dotata del visto di conformità.

 

3. UTILIZZO DEL CANALE TELEMATICO E PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE IVA ANNUALE

Per la compensazione del credito IVA di importo superiore a €. 5.000,00 è necessario utilizzare i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate quali Entratel o Fisconline.

Per la compensazione del credito IVA per importi superiori ad €. 5.000,00 annui, il mod. F24 deve essere trasmesso all’Agenzia almeno 10 giorni dopo la presentazione della dichiarazione.

Qualora si preveda di utilizzare in compensazione il credito IVA, è possibile presentare “in via anticipata” la dichiarazione in forma autonoma, a decorrere dal primo Febbraio di ciascun anno. Tale comportamento è consentito anche nel caso in cui l’importo del credito risultante dalla dichiarazione IVA sia inferiore o pari a € 5.000. Infatti, come anticipato ut supra, l’utilizzo in compensazione del credito IVA 2012 per importi superiori a € 5.000,00 è possibile a decorrere dal giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione del mod. IVA 2013.

Il contribuente potrà in ogni caso presentare la dichiarazione IVA all’interno del mod. UNICO, fermo restando l’obbligo di  attendere la presentazione prima di poter utilizzare in compensazione il credito IVA per importi superiori a € 5.000 annui.

La dichiarazione annuale presentata senza il visto di conformità, necessaria per la compensazione di compensazione  crediti IVA superiori ad €. 15.000,00 in caso di omissione, può essere sostituita da una dichiarazione correttiva “nei termini”/integrativa, completa del richiesto visto. Anche con riferimento a tale “nuova” dichiarazione, la compensazione è possibile a decorrere dal giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione della stessa.

La presentazione del mod. IVA 2013 in forma autonoma entro il mese di febbraio, esonera il contribuente dall’invio della Comunicazione dati IVA relativa al 2012.

Esempio 1: Si ipotizzi la seguente situazione:

Credito IVA 2012 €. 11.000,00 di cui destinato alla compensazione “orizzontale” €. 4.000,00.

In tale situazione al contribuente non sono applicabili le limitazioni previste per la compensazione “orizzontale” del credito IVA 2012. In particolare non è richiesta la preventiva presentazione del mod. IVA 2013.

Esempio 2: Si ipotizzi la seguente situazione:

Credito IVA 2012 €. 13.000,00 di cui destinato alla compensazione “orizzontale” €. 8.000,00

Nel caso prospettato il contribuente è libero di compensare il credito IVA 2012 fino a € 5.000. Per la compensazione “orizzontale” dell’ulteriore credito a disposizione è necessaria la preventiva presentazione del mod. IVA 2013.

L’utilizzo del credito IVA 2012 è così individuato:

  • dall’1.1.2013 per importi fino a € 5.000;
  • se il mod. IVA 2013 è presentato entro il 28.2.2013, l’utilizzo di €. 3.000,00 (eccedenza del limite di €. 5.000,00) è possibile dal 16.3.2013; se il mod. IVA 2013 è presentato dall’1.3 al 31.3.2013, l’utilizzo di €. 3.000,00 (eccedenza del limite di € 5.000) è possibile dal 16.4.2013; e così via.

Si precisa l’obbligo di utilizzare il canale Entratel/Fisconline per i modd. F24 relativi agli utilizzi eccedenti €. 5.000,00 (fino a €. 5.00,000 il canale telematico è suggerito).

Esempio 3: Si ipotizzi la seguente situazione:

Credito IVA 2012 €. 40.000,00 di cui destinato alla compensazione “orizzontale” €. 31.000,00

Oltre alle considerazioni illustrate nell’esempio 3, occorre considerare che il contribuente deve richiedere ed ottenere l’apposizione del visto di conformità per poter utilizzare in compensazione “orizzontale” il credito IVA 2012 per importi superiori a €. 15.000,00.

L’utilizzo del credito IVA 2012 è pertanto così individuato:

dall’1.1.2013 per importi fino a € 5.000;

se il mod. IVA 2013 è presentato entro il 28.2.2013 l’utilizzo di €. 26.000,00 (eccedenza del limite di € 5.000) è possibile dal 16.3.2013; se il mod. IVA 2013 è presentato dall’1.3 al 31.3.2013, l’utilizzo di €. 26.000,00 (eccedenza del limite di €. 5.000,00) è possibile dal 16.4.2013; e così via.

Come nell’esempio n. 3, si rammenta l’obbligo di utilizzare il canale Entratel/Fisconline per i modd. F24 relativi agli utilizzi eccedenti €. 5.000,00 (fino a €. 5.000,00 il canale telematico è suggerito).

Esempio 4: Si ipotizzi la seguente situazione:

Credito IVA 2012 €. 45.000,00 di cui destinato alla compensazione “verticale” (IVA da IVA) €. 45.000,00.

Nel caso prospettato avendo deciso di utilizzare il credito IVA 2012 in sede di liquidazioni IVA periodiche non è applicabile alcuna  limitazione alla compensazione del credito IVA 2012.

4. UTILIZZO DEL RESIDUO CREDITO IVA 2011

Il residuo credito IVA 2011 risultante dal mod. IVA 2012 può essere utilizzato nel 2013 senza alcun “limite” fino a quando non confluirà nel mod. IVA 2013. Infatti solo da quel momento, il credito IVA sarà riferibile al 2012. Detta disposizione trova applicazione fino all’importo di €. 15.000,00 per il credito IVA 2011 non “certificato”, mentre non incontra limitazioni per il credito IVA 2011 “certificato”.

Si ipotizzi la seguente situazione:

Credito IVA 2011 €. 70.000,00 di cui utilizzato in compensazione “orizzontale” nel 2012 €. 48.000,00.

Nel caso prospettato il credito IVA 2011 è stato “certificato” nel mod. IVA 2012 e pertanto è possibile utilizzare in compensazione “senza limiti” il residuo importo di €. 22.000,00 fino a quando non viene “rigenerato” quale credito IVA 2012. A questo punto le limitazioni all’utilizzo del credito IVA saranno riferite all’importo risultante dal mod. IVA 2013.

Si ipotizzi la seguente situazione:

Credito IVA 2011 €. 80.000,00 di cui utilizzato in compensazione “orizzontale” nel 2012 €. 49.000,00.

Nel caso prospettato il credito IVA 2011 è stato “certificato” nel mod. IVA 2012 e pertanto è possibile utilizzarlo nel 2013 fino a quando non sarà fatto confluire nel mod. IVA 2013, ossia fino a quando non viene “rigenerato” quale credito IVA 2012.

L’ammontare del credito IVA 2011 utilizzabile “senza limiti” nel 2013 è pari a €. 31.000,00. A questo punto le limitazioni all’utilizzo del credito IVA saranno riferite all’importo risultante dal mod. IVA 2013.

Si ipotizzi, infine, la seguente situazione:

Credito IVA 2011 €. 20.000,00 di cui utilizzato in compensazione “orizzontale” nel 2012 €. 9.000,00

Nel caso prospettato il credito IVA 2011 non è stato “certificato” nel mod. IVA 2012 e pertanto è possibile utilizzarlo “liberamente” nel 2013 soltanto fino al limite di €. 15.000,00 e fino a quando non sarà fatto confluire nel mod. IVA 2013, ossia finché non viene “rigenerato” quale credito IVA 2012. L’ammontare del credito IVA 2011 utilizzabile “senza limiti” nel 2013 è pari a €. 6.000,00. A questo punto le limitazioni all’utilizzo del credito IVA saranno riferite all’importo risultante dal mod. IVA 2013.

Per una corretta applicazione delle disposizioni in tema di utilizzo del credito IVA, lo studio è a disposizione per una consulenza personalizzata.

Valenza lì, 21.01.12

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.